News

Seleziona Anno: Tutti 201720162015 << Back

L'azienda vira in rosa

Osservatorio del mercato del lavoro:
a Monza e Brianza cresce l’imprenditoria femminile

Occupazione in ripresa dal 2010 (+4,4%), segno positivo dell’imprenditoria femminile (+2,5 %), il “Sistema Brianza” continua a creare e offrire posti di lavoro. Sono stati presentati nelle scorse settimane a Monza, nella sede della Provincia, i dati relativi al mercato del lavoro a Monza e Brianza per l’anno 2016.

I dati sono stati elaborati in base alle analisi delle principali fonti amministrative a disposizione – con particolare riferimento alle comunicazioni obbligatorie registrate sul portale Sintesi – da parte dei ricercatori del Gruppo Clas Spa, su indicazione della Provincia MB e di Afol Monza e Brianza.
Dal Rapporto dell’Osservatorio del mercato del Lavoro emerge per il 2016 un bilancio occupazionale positivo, ma con alcuni indici da monitorare con attenzione: una conferma che la ripresa è senza dubbio in atto, ma con dinamiche specifiche. 
La crescita degli occupati nel medio-lungo periodo 2010-2016 fa segnare un +4,4% con una leggera flessione, però, nell’ultimo anno, pari al -0,5%; diminuiscono di 6.300 unità, inoltre, le persone in cerca di lavoro nel corso del 2016 (-17,5%), ma i disoccupati sono ancora superiori a quelli del 2010, quasi il 23% in più.

Giovedì 8 giugno alle ore 19.30 allo Sporting Club Monza si analizzerà un punto particolare di vista: il passaggio in rosa delle aziende. Ovvero: quando la scelta cade sull’erede femmina. 
In Brianza succede spesso, sono molte le imprese familiari che affrontano il ricambio senza pregiudizi di genere. A dirlo è l’osservatorio Aub dell’Università Bocconi. Se in Italia è solo il 9% delle aziende a concretizzare questa pratica, nel distretto di Monza e Brianza questo accade nel 50% delle aziende esaminate: 734 tra Spa e Srl con fatturato superiore a 8 milioni di euro. 
Storie che si ripetono con successo, come quella di Cristina Cesari, che è stata anche intervistata proprio su questo tema da Candida Morvillo su “Io Donna” del “Corriere della Sera”.

«Tra i quattro cugini della terza generazione, io mi innamorai dell’azienda e lasciai l’università: sono portata per lavorare».
Cristina Cesari è Amministratore Delegato di Faro spa, azienda leader in lampade odontoiatriche. <Ho frequentato l’azienda fin da bambina, accompagnando mia madre che gestiva il recupero crediti e che spesso mi portava con sé. Da bambina scorrazzavo nei tunnel e mi innamoravo di quel posto». 
Cristina entra alla Faro a 21 anni, inizia con l’ufficio commerciale, continua a studiare a formarsi. 
Dal 2009 è a capo dell’azienda, che ora ha 85 dipendenti e fattura 14 milioni di euro, con un forte obiettivo di crescita.

Cristina Cesari dialogherà con Andrea Cabiati presidente di Up, Club di imprenditori Italiani, e co-fondatore della web factory Tech Style che segue Faro Spa da molti anni. Modera la serata il giornalista Paolo Annoni.
Per ascoltare questa storia di successo imprenditoriale femminile, organizzata da Up - Club di Imprenditori Italiani, l’appuntamento è giovedì 8 giugno alle or 19.30 allo Sporting Club Monza, in viale Brianza 39. 

Ingresso libero, previa prenotazione sul sito: www.upnetwork.eu